Jump to content
ATTENZIONE - Post con richiami e sanzioni sono attualmente visibili solo ai trasgressori ed ai membri dello Staff. Stiamo lavorando per risolvere il problema

Geopolitica: La terza guerra mondiale è alle porte?


Recommended Posts

L'ex presidente polacco Lech Kaczynski (morto nell'incidente aereo a Smolensk ) 14 anni fa lo disse in Georgia:

Oggi Georgia, domani l'Ucraina, dopo domani paesi baltici e poi arriverà il tempo per il mio paese...

 

Se L'ucraina perde vi pare che si fermeranno? Guardatevi qualche programma russo dove ci sono quei disadattati che parlano apertamente che la Polonia è prossima sulla lista e via dicendo...

 

Almeno ora che c'è la mobilitazione parziale i cittadini stanno cominciando a protestare nonostante la galera...

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

21 minuti fa, City Hunter ha scritto:

La Polonia è nella Nato e UE.

Per i baltici chi può dirlo, ma la soluzione quale sarebbe, annientare la russia adesso con la WW3 per salvare un paio di confini?
Nessun paese vale tanto.

 

Certo che no, la ww3 non la vuole nessuno, io ovviamente sarei per la pace, ma mi sa che è dura.

Link to comment
Share on other sites

22 minuti fa, City Hunter ha scritto:

La Polonia è nella Nato e UE.

Per i baltici chi può dirlo, ma la soluzione quale sarebbe, annientare la russia adesso con la WW3 per salvare un paio di confini?
Nessun paese vale tanto.

 

La situazione è far crollare il regime di Putin e creare le condizioni per un governo più in linea con le democrazie europee

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

59 minuti fa, Cloud ha scritto:

Certo che no, la ww3 non la vuole nessuno, io ovviamente sarei per la pace, ma mi sa che è dura.

 il problema è che la pace la cercano solo le persone comuni, le classi dirigenti mai come in questo caso sembrano avere altri piani.
 

1 ora fa, Romaeterna47 ha scritto:

La situazione è far crollare il regime di Putin e creare le condizioni per un governo più in linea con le democrazie europee


neanche questo funzionerebbe secondo me, fai conto che ci sono gli altri partiti russi che chiedono più impegno sul conflitto, quindi la situazione potrebbe restare identica o perfino peggiorare.

 

Link to comment
Share on other sites

8 ore fa, Jamesgrey ha scritto:

Ancora? La Russia non vuole trattare.


A meno che 'trattare' non significhi dare alla russia tutti gli idrocarburi ucraini (Donbas) il riconoscimento di un porto nel mar nero (crimea) e tutto il grano ucraino.

Sarebbe un affare per la Russia ed un pacco per noi.

Ricordami l' ultima volta che una nazione europea ha attaccato la Russia? Cosi, per sapere

Non si può rovesciare la realtà. La Russia vuole conquistare l' Ucraina almeno dal 1991, da quando ha perso 6 milioni di kmq di territorio, di cui i 600mila e passa costituiti dall' Ucraina sono di importanza strategica

Ma il discorso di Putin alla Duma nel 2004 non lo avete letto o sentito? Li c'è davvero tutto quello che serve sapere.

In guerra di solito o annienti il nemico con tutte le tue forze, se ne sei in grado, pagando ogni sorta di conseguenza, oppure ti siedi ad un tavolo e negozi qualcosa. Capisco che Putin sia il diavolo in terra però in genere la storia insegna che se vuoi ottenere risultati, col diavolo devi cenare. E qui l’unica cosa a cui stiamo assistendo è la psicosi collettiva delle democrazie occidentali che in preda ai deliri sragiona e innesta sanzioni a raffica, dando la fortissima impressione di non sapere a cosa vanno incontro. Visto che mi sembri esperto di geopolitica, io non lo sono affatto, questa folle corse agli armamenti, questa psicosi occidentale che non ne vuole sapere di negoziati, dove ci condurrà? 

Ti pare che i valori dell’Europa di oggi siano in grado di sostenere quanto stiamo vivendo? Viviamo nell’epoca dove è possibile mettere in discussione il proprio sesso, a prescindere da cosa c’è fra le gambe, mentre se si mette in dubbio il restare in Europa, per dire, sembra un ragionamento contro natura. Le leggi economiche sono diventate dogmi, quelle della biologia vengono svendute alle case produttrici di farmaci e trattate come semplici opinioni. Siamo circondati dalla generazione fiocco di neve che si vergogna della propria storia. Ma veramente su queste basi vorremmo sconfiggere la Russia e diventare un paese migliore?

Ma questi si puliscono il culo con le nostre democrazie. Altro che “le sanzioni sono efficaci”. L’Europa con la scusa dell’invasione di Putin ci sta assassinando, dando compimento a quella speculazione iniziata anni fa. 

3 ore fa, Cloud ha scritto:

Certo che no, la ww3 non la vuole nessuno, io ovviamente sarei per la pace, ma mi sa che è dura.

Il punto è che l’Europa e l’Occidente hanno avuto tutto il tempo e tutti i mezzi per dimostrare all’uomo quali siano i valori da perseguire e il tipo di democrazie che si vuole instaurare, ma quello che ho visto mi fa un po’ schifo. Se ritieni però che il sistema valoriale, inclusa l’idea di pace Europea pre invasione russa sia ricolma di speranza per il futuro, va bene. Io scendo alla prossima però.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Maarek Stele ha scritto:

Questo non accadrà.

Sarà solo l'inizio di una nuova guerra.

Io non ho la sfera magica e neanche te.

3 ore fa, City Hunter ha scritto:

 il problema è che la pace la cercano solo le persone comuni, le classi dirigenti mai come in questo caso sembrano avere altri piani.
 


neanche questo funzionerebbe secondo me, fai conto che ci sono gli altri partiti russi che chiedono più impegno sul conflitto, quindi la situazione potrebbe restare identica o perfino peggiorare.

 

Ma infatti parlo degli obiettivi di noi occidentali. Poi i partiti estremisti ci sono e sono pure abbondanti. Ma il popolo russo non lo vedo ben predisposto ad una guerra ottocentesca.

1 ora fa, Coscienza ha scritto:

In guerra di solito o annienti il nemico con tutte le tue forze, se ne sei in grado, pagando ogni sorta di conseguenza, oppure ti siedi ad un tavolo e negozi qualcosa. Capisco che Putin sia il diavolo in terra però in genere la storia insegna che se vuoi ottenere risultati, col diavolo devi cenare. E qui l’unica cosa a cui stiamo assistendo è la psicosi collettiva delle democrazie occidentali che in preda ai deliri sragiona e innesta sanzioni a raffica, dando la fortissima impressione di non sapere a cosa vanno incontro. Visto che mi sembri esperto di geopolitica, io non lo sono affatto, questa folle corse agli armamenti, questa psicosi occidentale che non ne vuole sapere di negoziati, dove ci condurrà? 

Ti pare che i valori dell’Europa di oggi siano in grado di sostenere quanto stiamo vivendo? Viviamo nell’epoca dove è possibile mettere in discussione il proprio sesso, a prescindere da cosa c’è fra le gambe, mentre se si mette in dubbio il restare in Europa, per dire, sembra un ragionamento contro natura. Le leggi economiche sono diventate dogmi, quelle della biologia vengono svendute alle case produttrici di farmaci e trattate come semplici opinioni. Siamo circondati dalla generazione fiocco di neve che si vergogna della propria storia. Ma veramente su queste basi vorremmo sconfiggere la Russia e diventare un paese migliore?

Ma questi si puliscono il culo con le nostre democrazie. Altro che “le sanzioni sono efficaci”. L’Europa con la scusa dell’invasione di Putin ci sta assassinando, dando compimento a quella speculazione iniziata anni fa. 

Il punto è che l’Europa e l’Occidente hanno avuto tutto il tempo e tutti i mezzi per dimostrare all’uomo quali siano i valori da perseguire e il tipo di democrazie che si vuole instaurare, ma quello che ho visto mi fa un po’ schifo. Se ritieni però che il sistema valoriale, inclusa l’idea di pace Europea pre invasione russa sia ricolma di speranza per il futuro, va bene. Io scendo alla prossima però.

Di certo non abbiamo un sistema perfetto, anzi…tuttavia è sicuramente quello più libero. Se poi vogliamo parlare della profonda crisi di civiltà che stiamo vivendo allora entriamo in un discorso diverso. Nel frattempo la democrazia più corrotta è cento volte migliore della tirannia più virtuosa 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Romaeterna47 ha scritto:

Io non ho la sfera magica e neanche te.

Se per i Russi (e basta che lo sia per quelli al governo) é una questione di vita o di morte, secondo te che cosa ti stanno dicendo? Che qualche numerino in rosso sul conto li farà retrocedere?

Guarda che non ci sarà l'opzione "ops, mi sono sbagliato" poi

 

2 ore fa, Coscienza ha scritto:

In guerra di solito o annienti il nemico con tutte le tue forze, se ne sei in grado, pagando ogni sorta di conseguenza, oppure ti siedi ad un tavolo e negozi qualcosa. Capisco che Putin sia il diavolo in terra però in genere la storia insegna che se vuoi ottenere risultati, col diavolo devi cenare. E qui l’unica cosa a cui stiamo assistendo è la psicosi collettiva delle democrazie occidentali che in preda ai deliri sragiona e innesta sanzioni a raffica, dando la fortissima impressione di non sapere a cosa vanno incontro. Visto che mi sembri esperto di geopolitica, io non lo sono affatto, questa folle corse agli armamenti, questa psicosi occidentale che non ne vuole sapere di negoziati, dove ci condurrà? 

Ti pare che i valori dell’Europa di oggi siano in grado di sostenere quanto stiamo vivendo? Viviamo nell’epoca dove è possibile mettere in discussione il proprio sesso, a prescindere da cosa c’è fra le gambe, mentre se si mette in dubbio il restare in Europa, per dire, sembra un ragionamento contro natura. Le leggi economiche sono diventate dogmi, quelle della biologia vengono svendute alle case produttrici di farmaci e trattate come semplici opinioni. Siamo circondati dalla generazione fiocco di neve che si vergogna della propria storia. Ma veramente su queste basi vorremmo sconfiggere la Russia e diventare un paese migliore?

Ma questi si puliscono il culo con le nostre democrazie. Altro che “le sanzioni sono efficaci”. L’Europa con la scusa dell’invasione di Putin ci sta assassinando, dando compimento a quella speculazione iniziata anni fa. 

Il punto è che l’Europa e l’Occidente hanno avuto tutto il tempo e tutti i mezzi per dimostrare all’uomo quali siano i valori da perseguire e il tipo di democrazie che si vuole instaurare, ma quello che ho visto mi fa un po’ schifo. Se ritieni però che il sistema valoriale, inclusa l’idea di pace Europea pre invasione russa sia ricolma di speranza per il futuro, va bene. Io scendo alla prossima però.

Vani discorsi, tutti troppo impegnati a guardare le scartoffie di insignificanti numerini economici, invece di guardare in faccia la "bestia" che vuole sopravvivere.

Edited by Maarek Stele
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Maarek Stele ha scritto:

Se per i Russi (e basta che lo sia per quelli al governo) é una questione di vita o di morte, secondo te che cosa ti stanno dicendo? Che qualche numerino in rosso sul conto li farà retrocedere?

Guarda che non ci sarà l'opzione "ops, mi sono sbagliato" poi

 

Vani discorsi, tutti troppo impegnati a guardare le scartoffie di insignificanti numerini economici, invece di guardare in faccia la "bestia" che vuole sopravvivere.

Ok Mareek ma la bestia russa senza i numerini economici (cioè i soldi che le servono per addestrare, mobilitare, pagare soldati ad esempio) non va da nessuna parte. Questo vale per tutte le guerre.

Guardate che ora Putin è debolissimo. Se l' europa chiama il bluff e resiste all'inverno si scriverà una pagina di storia incredibile sotto ai nostri occhi. A meno che davvero non lancino una atomica tattica dal dubbio valore militare

11 ore fa, City Hunter ha scritto:

SI ma le trattative devono essere realistiche, a Putin devi comunque concedere qualcosa, dirgli invece di cedere tutto, pure la Crimea significa non voler trattare (e infatti UE e USA non vogliono trattare).

La situazione comunque non può andare avanti così, pure la Truss ha detto che armeranno gli ucraini "fino alla vittoria", come si fa a pensare che una guerra del genere si risolverà sul campo?
Fin dove ci si può spingere, finchè non piove una nuke non saranno contenti?

 

Penso che adesso non ci sia modo di negoziare perchè Putin vuole una cosa, l' Ucraina un altra. E Putin si è dimostrato poco affidabile. Che garanzie avrebbe l' Ucraina che Putin, dopo essersi preso tutte le risorse del Donbas, non decidesse di prendersi anche il grano dell' Ucraina? Magari appigliandosi non al fatto che l Ucraina non entreraà nella NATO (perchè magari l Ucraina potrebbe cambiare la sua costituzione), ma al fatto che in Ucraina ci sono nazisti? D'altra parte è una narrazione che stanno spammando da anni nei nostri social media.
Purtroppo prima che la Russia si sieda al tavolo dei negoziati dovrà mandare a massacrare molti altri soldati e ammazzerà molti altri civili

Link to comment
Share on other sites

intanto sembra che si stia andando casa per casa a prendere i voti delle persone, con ovviamente la scheda in russo.

Ed ovviamente anche per chi è fuori dal paese è possibile votare il referendum... se si è in russia.

 

Chissà quale sarà l'esito delle votazioni... e sopratutto chissà se ci saranno politici che diranno che sono lecite ed il popolo ha deciso all'unanimità :asd: (Hype per commento di salvini)

Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, Jamesgrey ha scritto:

Come dovrebbero fare: con una bella risata mentre preparano l'avanzata su quei territori 

 

Allora spero per loro che Putin sia un farfone (parola che dalle mie parti significa uno che sbraita e minaccia tanto quanto è incapace, per codardia, di passare all'azione). Perché dopo le votazioni quelle terre saranno russe. E ogni aggresssione sarà considerata come tale a territorio russo.

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Dux-Gargaros ha scritto:

 

Allora spero per loro che Putin sia un farfone (parola che dalle mie parti significa uno che sbraita e minaccia tanto quanto è incapace, per codardia, di passare all'azione). Perché dopo le votazioni quelle terre saranno russe. E ogni aggresssione sarà considerata come tale a territorio russo.

Ma è da sei mesi che parla e non fa niente. Il referendum serve solo per mandare i 300mila nuovi coscritti in donbas,perché legalmente non è possibili stanziarli al di fuori della Russia. Ma se la Russia comprende anche i territori dove si tengono i referendum fasulli allora cambia tutto...

 

Comunque ci sono foto del livello di equipaggiamento dei nuovi coscritti, e fanno pietà 

 

Link to comment
Share on other sites

30 minuti fa, Maarek Stele ha scritto:

Dai che pian piano.... :D

Si ma mica cambia molto per come si comporterà l'Ucraina secondo me - nel senso che continueranno ad attaccare quei territori e la Russia non lancerà l'atomica tattica (mi auguro, se lo facessero sarebbero degli idioti)

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, Jamesgrey ha scritto:

Ma se la Russia comprende anche i territori dove si tengono i referendum fasulli allora cambia tutto...

 

A me sembra chiaro che Putin, dopo la recente batosta ucraina, stia cercando di chiudere la faccenda con queste votazioni fuffose. Si prende le terre al momento occupate e si calma. Ha ottenuto qualcosa, una briciola, ma sempre qualcosa è. Per spaventare ha detto quella cosa di contraccambiare ogni attacco al territorio susso. Un bluf? Il disperato tentativo di un perdente di evitare altri scontri in cui sarà ancora più vergognosa la sconfitta? Lo spero. Ma certo, se gli ucraini faranno tentativi di riprendersi territori dopo le votazioni, la Russia qualcosa sarà costretta a fare... Le bombette atomichine le ha. Poi toccherà a "noi" fare qualcosa... O non fare.

Questi stronzi che ci governano si sono incartati come Putin.

 

Link to comment
Share on other sites

Io non penso lancerà una atomica. Dove potrebbe farlo? Non nei territori occupati perché sono "russia"

Non a Kiev o Odessa perché sono culturalmente importanti 

Forse al confine con la Polonia? Si, ma verrebbe odiato in eterno

A Me sembra allo sbaraglio. Certo, la carta delle sanzioni che si ritorcono contro l'Europa è ancora formidabile ed è l'unico modo in cui la Russia può "vincere"

Link to comment
Share on other sites

Von der Leyen: “Guerra fino alla vittoria totale”

MB: L’agghiacciante discorso della Ursula a Princeton, in cui, ubriaca di potere, istituisce la UE come dittatura di guerra, cancellando lo stato di diritto e la democrazia analizzata magistralmente su nicolaporro.it da “Musso” 

La baronessa Ursula Von der Leyen è andata a Princeton. Alla fine, ha parlato delle elezioni italiane, ma non prima di aver ben inquadrato quelle poche parole. Tutte le citazioni, se non altrimenti specificato, sono parole della baronessa.

Guerra e sanzioni

La prima parte del discorso è dedicata a tutto ciò che la Ue fa ed intende fare, nella guerra alla Russia. In breve:

  • la guerra deve continuare sino alla vittoria totale dell’Ucraina;
  • le sanzioni sono un successo;
  • e devono restare oltre la vittoria totale di Kiev, fino a che Putin se ne sarà andato ed ammesso che chi verrà dopo di lui ci piaccia;
  • nel frattempo, contribuiamo a dare i 5 miliardi di euro al mese che servono all’Ucraina;
  • dopo la inevitabile vittoria totale, contribuiremo alla ricostruzione;
  • nel frattempo, abbiamo deciso di porre fine alla nostra dipendenza dai combustibili fossili russi e continueremo nonostante i prezzi dell’energia siano “alle stelle”;
  • per alleviarli “tassiamo i profitti inaspettati delle società produttrici di elettricità” (perché il tetto al prezzo del gas era una bufala e se sapeva);
  • tutto ciò otterremo conquistando l’indipendenza energetica e la libertà energetica.

Poteri che non ha

Tutto ciò presenta dei profondi problemi di poteri: la presidente della Commissione ha il potere di promettere tutto ciò?

A mero titolo di esempio, tali decisioni producono crateri nei bilanci degli Stati membri: crateri che avrebbero dovuto essere autorizzati dai parlamenti e vanno contro le politiche fiscali dettate dai Trattati. Dove, precisamente, il Teu o il Tfue assegnano a tali nobilissime finalità il potere di superare il resto dei Trattati? La risposta nostra è: da nessuna parte.

Link to comment
Share on other sites

Il 22/9/2022 at 16:52, Cloud ha scritto:

Certo che no, la ww3 non la vuole nessuno, io ovviamente sarei per la pace, ma mi sa che è dura.

A parte quel pazzoide megalomane di Dmitrij Medvedev, vicepresidente del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa? Mi sono cascate le palle quando mio fratello ha detto che se Medvedev fosse al posto di Putin, saremmo tutti spacciati!😐 Ho l'impressione che sto pazzoide megalomane in vita sua non ha mai capito il vero significato della parola SICUREZZA!😐

Edited by ultrablasterfun
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...